Incontinenza urinaria neurogenica

Cos’ è l’incontinenza urinaria?

L’incontinenza è un disordine urologico debilitante.

Normalmente il muscolo detrusore della vescica è rilassato per permettere il riempimento della vescica con l’urina. Quando la vescica è piena, i muscoli dello sfintere (muscoli all’uscita della vescica) si rilassano, mentre il muscolo detrusore della vescica si contrae per rilasciare l’urina.

Questo processo di rilassamento e contrazione muscolare è regolato dal sistema nervoso. Nei soggetti sani, il cervello invia messaggi alla vescica indicando quando eliminare o trattenere l’urina.

Nei soggetti incontinenti, la vescica si contrae in modo involontario, diminuendo il volume di urina che può essere trattenuto e causando così perdite frequenti ed inaspettate.

L’incontinenza urinaria si può dividere in due macro-categorie: incontinenza neurogenica ed incontinenza idiopatica.
 

Incontinenza urinaria neurogenica.

E’ una particolare forma di incontinenza urinaria in cui la perdita del controllo della minzione è dovuta a patologie neurologiche, tra le quali la sclerosi multipla e il morbo di Parkinson o a lesioni spinali.

In particolare, per le persone che convivono con la sclerosi multipla, questo problema subentra poiché esse sviluppano lesioni a livello del midollo spinale, mentre le persone con lesioni spinali presentano un danno irreversibile del nervo che risulta in una incapacità di adeguata comunicazione tra il midollo spinale e la vescica.